Conseguenze dell’azione del calcare

Conseguenze dell’azione del calcare : Danni nelle situazioni di “durezza”

Le acque ricche di calcio, evaporando per effetto della temperatura, provocano un progressivo accumulo di carbonati di calcio che si depositano sulle superfici di contatto.
Le conseguenze dell’azione del calcare  comportano un notevole danno, in quanto spesso siamo costretti a pagare grosse somme di denaro per le riparazioni degli impianti e degli elettrodomestici.

L’accumulo di calcare ci costringe inoltre a consumare più energia per il riscaldamento e la circolazione dell’acqua. Si calcola che un elettrodomestico aggredito dal calcare consuma fino al 30% di energia in più e subisce un invecchiamento precoce.
Un altro inconveniente legato alla eccessiva concentrazione di calcio e magnesio nell’acqua (acqua molto dura) è quello di ostacolare l’azione dei saponi e detersivi provocandone un eccessivo consumo e la inefficacia in particolare per la pulizia profonda della pelle.

Poichè il fenomeno del calcare interessa principalmente i circuiti idraulici dell’acqua calda, basterebbe trattare semplicemente l’acqua da riscaldare. Tuttavia negli impianti domestici la stessa acqua deve servire anche per il consumo personale e pertanto, nella scelta del tipo di trattamento, bisogna rispettare non solo gli impianti e gli elettrodomestici, ma anche e soprattutto la nostra salute.
Ciò significa che l’acqua con cui ci si lava deve essere adatta ad una perfetta pulizia. In tal modo possiamo limitare anche l’uso di  costosi saponi, detergenti, creme, ed otterremo il risultato di diminuire l’inquinamento dell’ambiente  e di non maltrattare inutilmente la nostra pelle, in particolare quella del viso.